rss

 

Ape sociale e precoci. Oltre 66mila le domande
/ Categorie: Previdenza, Home, IncaMondo

Ape sociale e precoci. Oltre 66mila le domande

Inps, il 23,2% richieste da donne

Al 15 luglio, sono state presentate complessivamente 66.409 domande di Ape sociale e di pensionamento anticipato per i lavoratori precoci. Lo fa sapere l'Inps, comunicando i dati definitivi delle richieste inoltrate entro la scadenza di sabato 15 luglio.

In particolare, l'Istituto spiega che sono 39.777 quelle per l'indennità di Ape social e 26.632 per l’anticipo pensionistico dei lavoratori precoci, superando il tetto previsto per quest'anno, pari a 60.000 domande. Un’altra annotazione rilevata dall’Istituto è la scarsa partecipazione delle lavoratrici: meno di una su quattro delle domande è stata presentata da una donna (il 23,2%) che, tradotto in valori assoluti, significa 15.400 richieste; di queste domande, 11.668 hanno riguardato l’Ape sociale (contro le 28.109 degli uomini) e 3.732 l’anticipo pensionistico per lavori precoci (contro le 22.900 degli uomini).

L'Inps ha anche indicato l’andamento territoriale delle richieste, sottolineando che "il maggior numero di domande è stato presentato in Lombardia (11.048), seguita dal Veneto (6.701), dalla Sicilia (5.608), dal Piemonte (5.568), dall'Emilia Romagna (4.865), dal Lazio (4.594) e dalla Toscana (4.566)". La tipologia di aventi diritto più rappresentata è quella dei lavoratori disoccupati con 34.530 domande, seguiti dagli addetti alle mansioni difficoltose (15.030).

Ampiamente superato, dunque, il tetto di 60 mila domande fissato per il 2017 dal Governo. Entro il 15 ottobre l’Inps farà conoscere l’elenco di coloro che vedranno accogliere la richiesta, fermo restando il limite di spesa complessivo di 300 milioni di euro per Ape sociale e 360 per i lavoratori precoci, stanziati nella legge di Bilancio 2017. In caso di risorse insufficienti avranno la priorità coloro che sono più vicini alla pensione di vecchiaia. Tuttavia, la misura sarà riproposta il prossimo anno: per la seconda tranche le domande dovranno essere presentate entro fine marzo 2018.


Articolo Precedente Crisi: 30% di italiani sta peggio di un anno fa
Articolo Successivo (Im)migrazione e sindacato
Stampa

Nome:
Posta elettronica:
Oggetto:
Messaggio:
x