rss

 

Lavoro: la sicurezza non è un lusso

Lavoro: la sicurezza non è un lusso

Sciopero generale a Torino

Mercoledì 13 giugno sciopero generale di tutte le categorie, previsto un presidio-manifestazione in piazza Castello. Per Cgil, Cisl e Uil le cause vanno cercate "nella precarietà, negli scarsi controlli, nel peggioramento delle condizioni di lavoro". “Il tema è che è scomparsa la parola prevenzione. E ciò che resta è la strage continua di questo periodo”, ha detto il segretario generale della Cgil Susanna Camusso, commentando gli incidenti mortali degli ultimi giorni. Una strage continua, dunque, che i sindacati non possono più accettare. In nome della sicurezza sul lavoro mercoledì 13 giugno si ferma Torino: uno sciopero generale di durata variabile (a partire dalle due ore) per tutte le categorie, indetto da Cgil, Cisl e Uil. Previsto un presidio-manifestazione in piazza Castello, l'inizio è alle ore 16.

“Nelle ultime settimane si sono susseguiti nel nostro territorio e nel Paese gravissimi infortuni, molti dei quali mortali” spiegano i sindacati in una nota: “La precarietà, l'aumento dell'età pensionabile, congiuntamente al peggioramento delle condizioni di lavoro, lo stress da lavoro-correlato, le nuove patologie legate all'innovazione tecnologica hanno prodotto incertezza, l'aumento degli infortuni, delle malattie professionali e delle vittime”. Cgil, Cisl e Uil di Torino chiedono alle istituzioni e alle forze politiche di impegnarsi a incrementare la sorveglianza e il controllo sul sistema delle imprese e di reprimere i comportamenti indirizzati al conseguimento di risparmi sulla pelle dei lavoratori.

“A fronte di un costante stillicidio di infortuni mortali continuano a essere scarsi gli investimenti pubblici e privati per aumentare il grado di sicurezza di chi lavora, favorendo la conoscenza dei rischi, la formazione e la prevenzione come elementi fondamentali per la diffusione di una vera cultura della sicurezza” spiegano, ribadendo che “tutto ciò è intollerabile: l'indignazione e le parole non bastano più, bisogna reagire con forza”. In conclusione, i sindacati torinesi rimarcano che “la salute e la sicurezza non sono un lusso. Sono indispensabili investimenti sui sistemi di sicurezza e sulla prevenzione, formazione e informazione alle lavoratrici e ai lavoratori, organici e risorse per mettere in condizione i servizi ispettivi e di prevenzione di svolgere pienamente la loro funzione”. 


Articolo Precedente Giornata mondiale contro il lavoro minorile
Articolo Successivo Migranti: la mobilitazione contro il governo
Stampa

Nome:
Posta elettronica:
Oggetto:
Messaggio:
x