rss

 

Assemblea nazionale delle Donne
/ Categorie: Home, IncaMondo

Assemblea nazionale delle Donne

Cgil presenta la piattaforma di genere

Occupazione, parità di salario, condivisione, welfare e molestie. Sono le cinque direttrici della Piattaforma di genere che la Cgil ha presentato venerdì 6 ottobre a Roma, al Teatro Brancaccio, nel corso dell’assemblea nazionale delle Donne ‘Belle Ciao. Tutte insieme vogliamo tutto’.

“Punti di azione e di intervento, che - spiegano le organizzatrici - faremo vivere nella nostra attività di contrattazione, volti a contrastare le molestie nei luoghi di lavoro e a superare le diseguaglianze di genere nella ricerca di occupazione, nel salario e nell’accesso alle cure mediche”. “Siamo convinte - proseguono - che in una fase politico sociale così complessa e pericolosa sia ancor più fondamentale una nuova alleanza tra donne, solo così si potrà contrastare la regressione culturale, sociale ed economica, e rendere migliore questo Paese”.

Tutte insieme vogliamo tutto, le proposte. Il lavoro delle donne è scarso (l’Italia è agli ultimi posti in Europa per occupazione femminile), dequalificato, mal pagato (il 60% delle donne italiane non è retribuita adeguatamente), caratterizzato da part time involontari e contratti precari. Per la Cgil occorrono quindi un Piano straordinario, investimenti pubblici e una nuova Carta dei diritti di tutte e tutti. Serve, si legge nella piattaforma, aumentare i congedi parentali, la formazione obbligatoria dopo la maternità, riconoscere il lavoro di cura, garantire più asili nido e interventi a sostegno della non autosufficienza, nonché nuovi incentivi su politiche di condivisione e conciliazione.

Disuguaglianze nei luoghi di lavoro, ma anche nel welfare e nell’accesso ai servizi alla salute. Quest’ultima non è neutra: uomini e donne hanno diversa sensibilità alle patologie e rispondono in maniera diversa alle terapie. Per questo la Cgil propone una vera e propria strategia, dalla diffusione della medicina di genere al potenziamento dei consultori e all’esigibilità della 194, che va pienamente applicata.

Infine, le donne della Cgil, contro le molestie e le violenze nei luoghi di lavoro propongono una contrattazione di genere, con la formazione delle Rsu e di figure di riferimento. Ma per contrastare questi fenomeni occorre partire dalle scuole e ricostruire la cultura del rispetto reciproco.



Articolo Precedente "La dignità della persona nella Costituzione"
Articolo Successivo Nobel per la pace 2018 a Nadia Murad
Stampa

Nome:
Posta elettronica:
Oggetto:
Messaggio:
x