rss

 

Migranti: permesso per assistenza ai minori
/ Categorie: Migrazioni, Home, IncaMondo

Migranti: permesso per assistenza ai minori

Titolo convertibile in permesso per lungosoggiornanti

I titolari di un permesso per l’assistenza di minori potranno convertire il titolo in un Permesso di Soggiorno UE per Soggiornanti di Lungo Periodo.  A chiarirlo è il parere espresso dalla Prima Sezione del Consiglio di Stato, in risposta ad un quesito posto dal Ministero dell’Interno nel 2016, il quale ha già diramato alle Questure una Circolare, in cui prevede la possibilità per i titolari di un permesso per assistenza minore (art. 29 comma 6 e art.31 comma 3 del T.U.286/1998) di chiedere il rilascio del Permesso di Soggiorno UE per Soggiornanti di Lungo Periodo. 

La necessità di un chiarimento nasce dal fatto che Ministero aveva escluso che ci potessero essere i presupposti per procedere in tal senso poiché considerava il permesso per assistenza minore, non previsto tra l’altro dal T.U. come permesso non convertibile in altro titolo di soggiorno, in quanto di natura temporanea.

“A sostegno della propria tesi – spiega Claudio Piccinini, coordinatore dell’Area Migrazioni e mobilità internazionali - invocava la Direttiva 2003/109/CE del Consiglio Europeo relativa ai soggiornanti di lungo periodo, che prevede fuori dal proprio campo di applicazione coloro che soggiornano in modo temporaneo”.

Una interpretazione respinta dal Consiglio di Stato che, facendo riferimento proprio alla giurisprudenza europea e in particolare ad alcune Sentenze della Corte di Giustizia dell’Unione, ha stabilito come il titolo di soggiornante di lungo periodo vada conferito se sussiste la permanenza regolare da almeno cinque nel territorio dello Stato che attesti l’intenzione della persona di insediarsi stabilmente. 

Richiamando una propria sentenza emessa nel 2015, il Consiglio di Stato ha affermato che il permesso per assistenza minore non può considerarsi un permesso di breve durata, in quanto viene rilasciato su disposizione del Tribunale dei minori per un tempo determinato, ma rinnovabile anche per un lungo tempo, in relazione all’interesse del minore.

Pertanto, in presenza degli altri requisiti previsti dall’art. 9 del T.U., il titolare di un permesso per assistenza minore regolarmente soggiornante in Italia da almeno cinque anni, ha diritto a chiedere il titolo illimitato, in conformità a quanto stabilito nel parere del Consiglio di Stato, recepito dal Ministero dell’Interno.

 

Articolo Precedente Manovra. Cgil, la flat tax non è una flat tax
Articolo Successivo Economia. Cgil, un paese in caduta libera
Stampa

Nome:
Posta elettronica:
Oggetto:
Messaggio:
x