rss

 

Voucher: Cgil in piazza contro reintroduzione
/ Categorie: Home, IncaMondo

Voucher: Cgil in piazza contro reintroduzione

Rispetto per il lavoro, la democrazia e la Costituzione

La Cgil chiede “rispetto per il lavoro, la democrazia e la Costituzione” e per domani ha indetto una grande manifestazione nazionale a Roma, che si concluderà a Piazza San Giovanni, alle ore 12.00, con l’intervento del segretario generale Susanna Camusso.

Due i cortei previsti, che dalle ore 9.00 sfileranno per le vie della capitale. Il primo partirà da Piazza della Repubblica; proseguirà per Via delle Terme di Diocleziano, Via Giovanni Amendola, Via Cavour, Piazza dell’Esquilino, Via Liberiana, Piazza di Santa Maria Maggiore, Via Merulana, Viale Manzoni, Via Emanuele Filiberto; e arriverà a Piazza di Porta San Giovanni.   

Il secondo corteo partirà da Piazzale Ostiense; proseguirà per Viale della Piramide Cestia, Viale Aventino, Piazza di Porta Capena, Via di San Gregorio, Via Celio Vibenna, Via Labicana, Viale Manzoni, Via Emanuele Filiberto; e arriverà a Piazza di Porta San Giovanni.   

La Cgil lancia un appello “a tutti i cittadini, ai lavoratori, ai pensionati ed a tutte le Associazioni democratiche affinché partecipino alla manifestazione nazionale del 17 giugno, per il rispetto dell’art. 75 della Costituzione, per difendere la democrazia e il diritto dei cittadini a decidere, per contrastare la precarietà, per un lavoro dignitoso tutelato e col pieno riconoscimento dei diritti”.

“Il 28 maggio scorso – ricorda il sindacato – si sarebbe dovuto svolgere il referendum abrogativo sui voucher, poi questi sono stati cancellati per far annullare i referendum e impedire agli italiani di esprimersi. Adesso, dopo che ieri il Senato votando la fiducia ha dato il via libera definitivo alla manovrina, i voucher sono stati reintrodotti”.

“Questo schiaffo alla democrazia non può passare inosservato. Partecipa alla manifestazione di domani a Roma”, conclude la Cgil. 

 

Articolo Precedente Lavoro: Ilo, disparità di genere considerevole
Articolo Successivo Lavoro: quasi un milione tra colf e badanti
Stampa

Nome:
Posta elettronica:
Oggetto:
Messaggio:
x