rss

 

Lavoro "agile". Riconosciuta tutela Inail

Le precisazioni nella circolare n. 48/2017

La disciplina dello smart working comporta l’estensione dell’assicurazione obbligatoria contro gli infortuni e le malattie professionali poiché lo svolgimento del lavoro agile, cioè senza vincoli di orario e in parte svolto fuori dai locali aziendali, non fa venir meno il possesso dei requisiti oggettivi (lavorazioni rischiose) e soggettivi (caratteristiche delle persone assicurate) previsti ai fini della ricorrenza dell’obbligo assicurativo. 

Lavoratori affetti da "sindrome di talidomide"

Maggiorazione contributiva per la pensione

Per i lavoratori affetti dalla “sindrome da talidomide”, la maggiorazione contributiva riconosciuta a loro favore dalla legge n. 388/2000 deve essere attribuita, a domanda, ai fini pensionistici, dall’inizio dell’attività lavorativa svolta nella condizione invalidante presso le pubbliche amministrazioni, aziende private o cooperative, nel limite massimo di cinque anni. 

Infortunio sul lavoro

Cassazione: l’irrilevanza della “colpa” del lavoratore

La Cassazione, con la sentenza n. 17917/2017, interviene riaffermando il principio della irrilevanza della colpa del lavoratore ai fini della risarcibilità del danno. Il caso esaminato dall’Alta Corte riguarda un coltivatore diretto che si è infortunato mentre era alla guida di un trattore agricolo, nonostante fosse formalmente in un periodo di astensione dal lavoro a causa di un precedente infortunio.

RSS
Primo567891011121314Ultimo