rss

 

Medicina del lavoro: Inca, i rischi nei Nail salons

Lo studio dell'Agenzia francese sulla sicurezza sanitaria

Alla fine dello scorso mese di novembre l’Anses (Agenzia francese della sicurezza sanitaria) ha pubblicato uno studio sui rischi per i lavoratori del settore della cura e ricostruzione delle unghie. Marco Bottazzi, responsabile della consulenza medico legale di Inca traccia una sintesi della ricerca. 

Morte per cancro a polmoni. Rendita Inail a eredi

Cassazione, tabagismo non esclude nesso causale

Di fronte alla certezza dell’esposizione a inquinanti tossici, definiti come cancerogeni, non si può negare l’origine lavorativa del tumore ai polmoni, anche quando la vittima risulti essere un fumatore. Lo ha stabilito l’ordinanza della Cassazione, n. 29767/17 del 12 dicembre, riconoscendo il diritto alla rendita Inail agli eredi di un dipendente di una azienda produttrice di macchine agricole, deceduto per neoplasia polmonare, addetto ai forni, alle forge e alla saldatura dei metalli, dal 1963 al 1993.

Eternit bis: Cgil, grave decisione Cassazione

Iannilli, continua la nostra battaglia per la giustizia

Per la Cgil, la decisione della Cassazione di derubricare il capo di imputazione a carico dell’ex ad Schmidheiny nel processo Eternit bis da omicidio volontario a omicidio colposo significa non garantire che sia fatta pienamente giustizia per la morte di centinaia e centinaia di persone e lavoratori, avvenuta in nome del profitto. E spezzettare il processo comporta l’ulteriore allungamento dei tempi, con il rischio della prescrizione”. 

Terremoto: Cgil, irregolarità in cantieri Sae

Fillea Macerata, gravissime condizioni di lavoro

La Fillea Cgil di Macerata denuncia gravissime irregolarità nelle condizioni di lavoro nei cantieri Sae. In una conferenza stampa, che si è svolta ieri, i segretari provinciali della Cgil Daniel Taddei e della Fillea di Macerata, Massimo De Luca, sottolineano che “non ci sono solo ritardi nell'esecuzione dei lavori, o errori di progettazione, come i boiler posizionati sui tetti in alta montagna, dove il gelo blocca le tubature e i terremotati restano senz'acqua, ma anche “manodopera straniera assunta senza il rispetto delle norme contrattuali in vigore in Italia, e perfino il rimpatrio di chi si infortuna, senza passare dall'ospedale”.   

RSS
12345678910Ultimo